Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri subito le tue offerte di benvenuto VIP!
Scopri le offerte di benvenuto del Club Prestige!

Bordeaux

Château Angélus - Saint-Emilion Grand Cru - Rosso - 2015

Caratteristiche

Paese/Regione: Bordeaux

Annata: 2015

Denominazione: AOP Saint-Emilion grand cru

Vitigno: 62% Merlot, 38% Cabernet Franc

Alcool: 15 % vol.

Colore: Rosso

Capacità: 75 cl

Ricompense

Tenuta valutata 2 stelle nella Guide des Meilleurs Vins de France 2023 (RVF)
Tenuta valutata 5 stelle nella Guide Bettane et Desseauve 2023
Guide des Meilleurs Vins de France (RVF) 2020: 18/20
Guide Bettane et Desseauve 2019: 19/20
Guida Robert Parker: 97/100

Vino:

Lo Château Angélus Rosso 2015 è senza dubbio uno dei più bei successi del decennio e anche una delle più belle bottiglie nella storia della tenuta. Note di cedro, incenso, frutti neri e tabacco biondo sono portate da una trama profonda e precisa. Il 2015 è un modello di potenza, precisione e freschezza. Una grande bottiglia con uno straordinario potenziale, valutata 97/100 Parker.

Vinificazione:

Vendemmia manuale.

Occhio:

Colore porpora denso e profondo.

Naso:

Complesso con note di cedro, incenso, frutti neri e tabacco biondo.

Bocca:

Bocca di un'eleganza straordinaria, con sapori fruttati densi e vellutati. La trama, cremosa e profonda, è un modello di potenza, precisione e freschezza.

Temperatura:

Servire tra 14 e 16°C.

Abbinamento cibo e vino:

Spalla d'agnello confit, piccione arrosto al pepe, coda di rospo al vino rosso e spezie. Formaggio Saint Nectaire.

Maturazione:

Da oggi fino al 2035

Dal 1782 lo Château Angélus regna sui terroirs saint-émilionnais. D’allora è gestito dalla famiglia Boüard de Laforest, che da ben otto generazioni coccola le sue vigne. Una passione e una costanza che sono stati premiati nel 2012 con l’attribuzione del titolo di Premier Grand Cru Classé A, grazie al quale lo Château Angelus è entrato definitivamente nella categoria dei più grandi vini della riva destra di Bordeaux.

Questa ascesa straordinaria si deve certamente al lavoro di Hubert de Boüard, al suo impegno e alla sua determinazione. La conversione dei 42 ettari del vigneto al biologico e la costante ricerca dell'eccellenza hanno contribuito alla nascita di vini leggendari.